blog

Mia Martini: Voce indelebile calabrese

Mia diceva: “Io non sono di origine, io sono proprio calabrese! Mia madre è di Bagnara Calabra, mio padre è di VillaSanGiovanni, io sono nata a Bagnara: più calabrese di così! Sono la Calabria, mi sento la Calabria! Io sono la Calabria. Mi scusino per la presunzione tutti gli altri calabresi, ma io mi sento la Calabria“.

Più di Vent’anni fa nasceva Domenica Bertè, in arte Mimì, tra le voci più profonde ed emozionanti del panorama musicale italiano, tuttora mostro sacro della musica. E sopratutto donna calabrese attaccata alla sua terra, una terra a cui lei aveva messo radici e le trasmetteva il nutrimento.

In seguito ad un’intervento alle corde vocali che le modifica un po’ il timbro di voce, decide di allontanarsi un po’ dalle scene, alla ricerca di una vita ordinaria lontana dalle maldicenze, dai contrasti con le etichette discografiche.

Dichiarerà la Martini in merito a quel periodo: “La mia vita era diventata impossibile. Qualsiasi cosa facessi era destinata a non avere alcun riscontro e tutte le porte mi si chiudevano in faccia. C’era gente che aveva paura di me, che per esempio rifiutava di partecipare a manifestazioni nelle quali avrei dovuto esserci anch’io. Mi ricordo che un manager mi scongiurò di non partecipare a un festival, perché con me nessuna casa discografica avrebbe mandato i propri artisti. Eravamo ormai arrivati all’assurdo, per cui decisi di ritirarmi.”

Dopo alcuni anni di ritiro Mimì decide di ritornare alla musica e lo fa trionfalmente, nel 1989, al Festival di Sanremo con il celebre brano “Almeno tu nell’universo” con cui vince il premio della critica – riconoscimento che in seguito alla morte della cantante calabrese sarà denominato Premio della critica Mia Martini.

Nel 1993, dopo anni di silenzio, recupera il rapporto con la sorella Loredana, esibendosi insieme a lei al Festival di Sanremo di quell’anno con il brano “Stiamo come stiamo”.

Tormentata e sofferente da qualche tempo, Mia Martini muore il 12 maggio 1995, a quarantasette anni, da sola, a causa di un arresto cardiaco.

Una voce indimenticabile. Mimì, la Calabria non ti ha mai dimenticato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...